Home

Giornata mondiale della poesia

Domenica 21 marzo 2021 celebreremo la ventiduesima GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA  che è stata istituita dalla XXX Sessione della Conferenza Generale UNESCO del 1999 e celebrata per la prima volta il 21 marzo dello stesso anno.

La data che segna anche il primo giorno di primavera, riconosce all'espressione poetica un ruolo privilegiato nella promozione del dialogo e della comprensione interculturale, della diversità linguistica, della comunicazione e della pace.

Obiettivo primario di tale istituzione è quello di promuovere la lettura, la scrittura, la pubblicazione e l'insegnamento della Poesia in tutto il mondo.

Noi, Amici della Biblioteca Diocesana "Raffaele Ferrigno" di Ostuni,  ogni anno abbiamo celebrato questa giornata, attraverso la presentazione di un Poeta del nostro tempo e della sua Opera. Quest'anno abbiamo chiesto ai nostri Amici di scrivere dei versi che pubblichiamo su questo Sito.

A Caterina Baccaro, ad Enzo Palmisano, a Bianca Melpignani, ad Enrico Ciola, a Samuela Zurlo, diciamo grazie di cuore per aver accolto il nostro invito.

Samuela che fa parte dei "Magnifici 5", la Sezione Giovani della nostra Associazione,  ci ricorda quanto il Prof. Giorgio La Pira, già Sindaco di Firenze ha scritto: "I GIOVANI SONO COME LE RONDINI, ANNUNCIANO SEMPRE LA PRIMAVERA".

AUGURIAMO A TUTTI BUONA GIORNATA DELLA POESIA CON LA LETTURA DEI VERSI DEI NOSTRI POETI.

                                                                              Teresa Legrottaglie

 

RISVEGLIO

Poetessa non sono

Pur vorrei esserlo

Per cantare la natura

In primavera.

Ovunque volga lo sguardo

Vedo i segni del risveglio,

il bianco dei mandorli in fiore

il rosso dei papaveri

il verde di un campo di grano.

Il sorriso di un bambino.

È primavera e il cuore si apre

alla speranza.

Dove siete amici miei?

Facciamo festa insieme.

                                 Bianca Melpignani

 


Essere qualcuno

Nascere e crescere

Nascere è perfezione

Crescere è imperfezione nella sua perfezione

Essere professionisti nel cambiamento

Essere perfetti in un mondo di maschere

Trasformarsi è comprendere i propri spazi

Accettarsi nelle proprie fragilità

Amarsi indipendentemente da tutto

Metterci la faccia

Crescere è sentimento

Crescita è sentirsi vivi

Crescere è ritrovarsi in un mondo diverso

Uscire dalla nostra confortzone

E riuscire a diventare adulti senza perdere la propria essenza

                                  Samuela Zurlo


ATTIMI

Nel rigoglio disordinato ,

caotico,

dell’orto

la gerbera

canta

la sua bellezza.

        =

Tra l’asfalto della via

e il marciapiede

è nata una pianticella

di viola del pensiero

e ha portato

tre piccolissime pansè:

tenacia della vita.

            =

Bimbi

A  Rosamarina

le giovani mamme

espongono

i loro tesori.

             =

Dal balcone della vicina

una rosa

si affaccia

timidamente.

          =

Estate

Il vento che soffia gagliardo

e le onde

che si alzano alte

cercando di portar via la spiaggia

ti lavano i pensieri.

                      =

Maggio 2019

Camminavo nel sole

tra nuvole di panna

e cielo leggero.

                        =

Il divano dello studio

è

la  mia isola

che non c’è.

                           =

Nel giardino

della chiesa

 le mimose

piovono oro.

                                 Caterina Baccaro


MANDORLO

Ruvido scheletro

figlio della terra,

muta presenza

amica della pioggia,

fratello del sole

tu sei

quando primavera t’assale

e in te

bianco tenero s’accende

ed esplode.

IL RITORNO DALLA CAMPAGNA

La ginestra ha rivestito di giallo

tutta la stanza.

Al centro del tavolo

grida il suo profumo.

PASSERI
Anche questa sera sono tornati

dai cieli alti della periferia

e con murmure d’ali

hanno occupato l’albero delle mosche

che alto vigoreggia

nel pozzo di luce del nostro condominio.

Ognuno ha portato il suo pezzetto di io

e tutti insieme hanno suonato

uno sfrenato chiacchierio.

Ora dormono in nidi di soffice buio

Tra le braccia della notte.

Domani, allo spegnersi dell’ultima stella,

busseranno alla nostra finestra

al primo lucore del giorno.

 

SULLA COSTA OSTUNESE

A Lamasanta

le conchiglie fossili

ti urlano il mare in faccia,

ad ogni passo.

E se c’è vento,

tu senti l’urto dei Saraceni

sulla riva.

 

VIAGGIATORE SEDENTARIO

Non c’è bisogno

di partire

l’altrove è qui.

Mi bastano una stanza

e un libro

per  fare ogni giorno

Il giro del mondo

e viaggiare dentro di me.

I POETI

I poeti esistono,

i poeti, anche quando sono muti,

non tacciono.

                               Vincenzo Palmisano


L’arresìdje de lu lìbbre

 

Nu bèllu ggiùrne a la securdùna

Mòne pertàte fòre de Stùne.

Cu la màchena fuscìnne e chiàne

Sìme arrevàte fìne a Uagnàne.

 

Mòne lassàte sùlu sùlu

Scettàte ndèrra a nu pezzùlu

Da la sera a la scresciùta,

Fin’all’allucesciùta.

 

Quànne stàva pe fa ggiùrne

Màgghie tremendùte attùrne

E agghie vìste tànda càmese viànghe,

assùgghie, martièdde e tenàgghie.

 

O mmàre a mmè  a de mòne pertàte

Stì crescetìane scrianzàte?

Nà uè vète ca stì cegnàlu

Mòne scarecàte a lu spedàlu?

 

Quànne sond’arrevàte li dottùre

Sòne mìse a ffà tànda cungettùre

Mòne appùggiate sòbba a nù bangòne

E mòne scùsute cùmme a nu magliòne

 

Allora agghie capìte: chèssa i ‘na pettèa

Cà t’accònza, te pulìzza e t’arrecrèa.

Dòppe ca mòne spigghiàte a lla nùta

Tùtte sòne mìse a fatiàje a la perdùta.

 

Pòi àgghie fàtte n’ànde scasamènde

Tutt’assième all’università de lu salènde,

qua  m’àgghie devùte fà curàgge

Na tànda pe l’anàluse quànde pe li ràgge

 

Mòn’ammeddàte, mòne lavàte e mòne recendàte,

dòppe mòne cusùte arrèta e quanne sond’assecàte,

Na camìsa nòva e nu vestemènde a mesùra mòne ‘mbelàte,

e pùre na verzèlla cu la chiusùra mòne appendàte.

 

Quànne a Stùne so ternàte

M’àgghie andìse frasturnàte.

A llù mmiènze mòne mìse a petresìne

Fàcca sònde lu prencepìne.

 

Mu ca spìccene li grazziùne

Na me mettìte cu ll’ànde lebbrùne.

Ma acchiàteme na sòrta de credènza

Pe ffà sémbe bèlla cumbarènza.

 

N’ànda còsa ve vògghie dìsce,

Pe ffàrme cundènde e felìsce,

Na vve scurdàte d’accunzàje

l’ànde cumbàgne mèje ca stòne ddàje.

 

Lu lìbbre ‘nànge pàrla e ‘nànge sènde

Ma ce tu mìtte nu pìcca de sendemènde

Lu lìbbre, bènga ì taccòne e mùte, ce lu lìsce,

na cosa bbòna sèmbe sèmbe te la dìsce.

      

                                        Enrico Ciola